I VINCITORI LFF12

Alcuni bambini vivono insieme in un orfanotrofio e le speranze di trovare una nuova famiglia passano attraverso una incredibile procedura di adozione con un casting online. Questo il tema del cortometraggio francese “Fils de” di Charlotte Karas e Thierry Le Mer, premiato come Miglior Film della dodicesima edizione del Lecce Film Fest con la seguente motivazione: “Con delicatezza, tra finzione e realtà conduce in un mondo che non immaginiamo, con una durezza che non ferisce, in una verità amara e necessaria che diventa perfino tenera agli occhi di chi la guarda”.

    I VINCITORI LFF12

Miglior Animazione è “Engine of time” di Ilenia Locci e Fabio Loi sulla convivenza pacifica tra umani e robot.

I VINCITORI LFF12

Menzione speciale per la regia al cinese Hong Heng Fai con il corto “Crash” in cui la ricerca sui social di una donna scomparsa diventa un fenomeno virale.

I VINCITORI LFF12

Menzione speciale per la sceneggiatura al corto dai toni surreali “Red light” (Bulgaria/Croazia) diretto da Toma Waszarow e scritto in collaborazione con Viktor Dessov: il conducente di un autobus rimane fermo a un incrocio perché il semaforo non funziona e ciò genera un conflitto inimmaginabile.

I VINCITORI LFF12

Migliore interpretazione è quella dell’attrice senegalese Diaryatou Daff (nel cast di “Biutiful” di Alejandro Gonzalez Inarritu) per il film “Lurna” dello spagnolo Nani Matos: una donna parte con la speranza di realizzare il suo desiderio, ma non sa che presto vorrà tornare indietro.

I VINCITORI LFF12

Menzione speciale per la fotografia è andata a Carlo Michele Schirinzi e al suo “Eclisse senza cielo”, un film che rilegge l’opera dell’artista salentino Romano Sambati.

I VINCITORI LFF12

La Menzione speciale Cineclub è stata assegnata al corto brasiliano “October is over” di Karen Akerman e Miguel Seabra Lopes per il linguaggio lirico con cui affronta le emozioni di un regista bambino nei confronti del patrimonio cinematografico mondiale.

I VINCITORI LFF12

“Anche quest’anno – afferma Nicola Neto, direttore del festival e Presidente del Cineclub Fiori di Fuoco che organizza la rassegna – abbiamo portato a Lecce il cinema nuovo senza confini geografici e di linguaggio cinematografico, selezionando 56 film di altissima qualità e di grande valore sociale e culturale selezionati tra gli oltre 1300 candidati. Un doveroso ringraziamento a registi, produttori, alle giurie, all’Unione Italiana dei Circoli del Cinema che condivide con noi questa missione, al MIBACT che ci sostiene, alla Provincia di Lecce che ha messo a disposizione l’ex Convitto Palmieri e a Coop Alleanza 3.0 che ci ha affiancato anche in questa edizione”.

LE GIURIE
I FILM IN CONCORSO